UFFICIO LEGALE - SNALS MANTOVA

PEC lombardia.mn@pec.snals.it
Vai ai contenuti

Menu principale:


AZIONE N° 116
 AZIONE NULLITA'  
INSERIMENTO II FASCIA GRADUATORIE DI CIRCOLO E D'ISTITUTO I. T. P.

Come noto, con il D.M. n. 374 del 1 giugno 2017 il Miur ha disposto l'aggiornamento delle graduatorie di circolo e d'istituto del personale docente.
Per quanto concerne nello specifico i docenti ITP, il Tar del Lazio, con sentenza 9234/2017 ha annullato l'articolo 2 del DM 374/2017 nella parte in cui "esclude dalla possibilita' di inserimento nella II Fascia delle GI i docenti ITP".

Al riguardo, il Miur ha richiesto un parere all'avvocatura dello Stato che si e' espressa nel senso di ritenere non censurabile tale sentenza in quanto conforme al noto insegnamento del Consiglio di Stato la cui VI sez., con ordinanza n. 1836/2016, aveva gia' chiarito, proprio in relazione alla categoria degli insegnanti ITP che il requisito dell'abilitazione, ai fini della partecipazione a pubbliche procedure puo' essere richiesto solamente laddove siano stati indetti percorsi abilitanti aperti alla generalità degli interessati. Nel contempo, l'Avvocatura ha richiesto al MIUR se intendeva impugnare ovvero prestare acquiescenza alla citata sentenza del Tar Lazio.  




RICORSI TAR LAZIO
D.M. 400 DEL 12 GIUGNO 2017
INSERIMENTO NELLE GAE

Con il D.M. n. 400 del 12 giugno 2017, il Miur ha disposto l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente valevoli per il triennio scolastico 2014/2017, successivamente prorogato al 2019 (art. 1, comma 10 bis D.L. 210/2015).
In particolare, il decreto disciplina, con effetto dall’ a.s. 2017/2018, lo scioglimento della riserva da parte degli aspiranti già inclusi con riserva perché in attesa di conseguire il titolo abilitante e che conseguiranno l’abilitazione entro l’ 8 luglio 2017.

AZIONE LEGALE PER ABILITATI CHE VOGLIONO INSERIRSI IN GAE O PER QUELLI INSERITI CON RISERVA CHE VOGLIONO AGGIORNARE LA LORO POSIZIONE.

Allegare:
  • Lettera di presentazione
  • Modello di domanda inserimento gae nuovo
  • Modello domanda-diffida nuovo aggiornamento GAE



AZIONE N. 98
INSERIMENTO NELLE GAE DIPLOMATI MAGISTRALI ENTRO A.S. 2001/2002
AZIONE NULLITA’ D.M. 495 DEL 22 GIUGNO 2016

Possono aderire al presente ricorso solo coloro i quali non hanno aderito al precedente ricorso al Tar ovvero al ricorso straordinario al Presidente della Repubblica avente ad oggetto l’inserimento in Gae in quanto in possesso del diploma magistrale.

Ai fini dell’ammissibilità dei ricorsi è necessario che gli interessati presentino comunque la domanda cartacea di inserimento nelle GAE, con raccomandata a/r, al Miur e all’Ambito territoriale prescelto, utilizzando il modello allegato alla presente.

Per consentire all’ufficio legale di predisporre per tempo utile il ricorso e ultimare i connessi adempimenti, il termine per la raccolta delle adesioni è fissato improrogabilmente il 9 gennaio 2017.





 
                    RIEPILOGO RICORSI PROPOSTI          
              DALL’UFFICIO LEGALE CONFSAL
   
                       Aggiornato al 22 dicembre 2016 (riepilogo n. 12/2016)

Si riporta di seguito uno schema riepilogativo dello stato dei ricorsi proposti dall’ufficio legale nazionale dinanzi al Tar Lazio, al Consiglio di Stato ed al Presidente della Repubblica.


 

NUOVA VITTORIA SNALS!

DIPLOMATI MAGISTRALI ENTRO IL 2001/02
IL CONSIGLIO DI STATO
DISPONE
L’IMMEDIATA ESECUZIONE DELL’ORDINANZA DI SOSPENSIVA
ACCOGLIENDO
LA RICHIESTA DELLO SNALS

Il Consiglio di Stato con ordinanza n. 3458 del 12 agosto 2016 ha disposto l’immediata esecuzione della ordinanza di sospensiva n. 5445/2015 concernente i diplomati magistrali entro l’a.s. 2001/02 e ha ordinato di inserirli nelle graduatorie anche ai fini della immissione in ruolo ovvero della stipula di contratti di lavoro, facendo comunque salvi gli effetti della sentenza di merito.



 

SCHEDA RIEPILOGATIVA N°2
RICORSI PROPOSTI DALL’UFFICIO LEGALE CONFSAL


  1. LEGGI E SCARICA L'ELENCO COMPLETO DEI RICORSI           
                                      



 
SCHEDA RIEPILOGATIVA N°1
 RICORSI ANCORA PENDENTI PROPOSTI DALL’UFFICIO LEGALE CONFSAL
 
 
 
1)   RICORSI AL TAR DEL LAZIO

 
IMPUGNATIVA D.M. 82/2012 – CONCORSO SCUOLA
 
Azione n. 67 –Laureati dopo il 2001/2002.
 
L’ufficio legale centrale aveva a suo tempo proposto dinanzi al Tar del Lazio due distinti ricorsi:
 
1)   Ricorso N.R.G. 9890/2012 che si è concluso con la sentenza di accoglimento n. 10528/14. La sentenza è stata appellata dal Miur. Attualmente è pendente l’appello dinanzi al Consiglio di Stato, la cui udienza di trattazione nel merito non è ancora stata fissata. Il Miur, all’ udienza del 4 giugno ha rinunciato alla sospensiva.
 
2)   Ricorso N.R.G. 9891/2012 che si è concluso con la sentenza di accoglimento n. 11697/14.  La sentenza è definitiva, essendo passata in giudicato.
 
 
Azione n. 66 – Ricorso esclusione docenti di ruolo
 
Ricorso NRG 10125/12: il ricorso è ancora pendente dinanzi al Tar del Lazio. I ricorrenti sono stati ammessi con riserva alla procedura concorsuale con ordinanza cautelare n. 135/2013
 

 
Azione n. 70 – Ricorso soglia 35 punti.
 
L’ufficio legale centrale aveva a suo tempo proposto dinanzi al Tar del Lazio tre distinti ricorsi:
 
1)   Ricorso N.R.G. 880/13 che si è concluso con la sentenza di accoglimento n. 4018/15. La sentenza è stata appellata dal Miur. L’udienza di trattazione nel merito non è ancora stata fissata; l’ufficio legale ha predisposto la costituzione
 
2)   Ricorso N.R.G. 1281/13 che si è concluso con la sentenza di accoglimento n. 4006/15
 
3)   Ricorso N.R.G. 1898/13 che si è concluso con la sentenza di accoglimento n. 4039/15. La sentenza è stata appellata dal Miur
 

 
IMPUGNATIVA D.M. 58/2013
 
Azione n. 72 – Ricorsi PAS (Percorsi abilitanti speciali).
 
L’ufficio legale centrale aveva a suo tempo proposto dinanzi al Tar del Lazio 4 distinti ricorsi:
 
1)   Ricorso NRG 12514/16 (Gurrieri + altri): ancora non è stata fissata l’udienza di merito dinanzi al Tar. Il provvedimento cautelare ottenuto in sede di appello al consiglio di stato è ancora efficace. (Appello al Consiglio di Stato NRG 4524/14, ordinanza n. 3001/14)
 
2)   Ricorso NRG 12516/13 (Di Nuzzo + altri): non è ancora stata fissata l’udienza di merito dinanzi al Tar. Il provvedimento cautelare ottenuto in sede di appello al Consiglio di Stato è ancora efficace (appello al Consiglio di Stato NRG 4513/14, ordinanza n. 2898/14)
 
3)   Ricorso NRG 12517/13 (Aragosa + altri): non è ancora stata fissata l’udienza di merito. Il provvedimento cautelare ottenuto in sede di appello al Consiglio di Stato è ancora efficace (ricorso NRG 4519/14, ordinanza n. 2999/14)
 
4)   Ricorso NRG 12512/13 (Crisomolo + altri). Per tale ricorso è stata pubblicata in data 12.5.15 (mai notificata) la sentenza di merito n. 6867/2015, con la quale il Tar del Lazio ha respinto il ricorso. Il nostro ufficio legale sta pertanto predisponendo l’appello al Consiglio di Sato.
 
 
IMPUGNATIVA D.M. 235/14 – AGGIORNAMENTO GAE
 
 
Azione n. 75 – Ricorso abilitati TFA (N.R.G. 8461/14): istanza di sospensiva rigettata in quanto il Tar ha escluso la sussistenza del periculum ed ha rinviato la decisione di merito – L’udienza di merito non è ancora stata fissata
 
 
Azione n. 76 - Ricorso depennati graduatorie (N.R.G. 9179/14): istanza di sospensiva rigettata in quanto il Tar ha escluso la sussistenza del periculum ed ha rinviato la decisione di merito. L’udienza di merito non è ancora stata fissata. Nelle more è stata impugnata dinanzi al Consiglio di Stato l’ordinanza di rigetto n. 10082/14. Il Consiglio di Stato, con ordinanza n. 533/15 ha accolto l’istanza di sospensiva (NRG 10082/14)
 
 
Azione n. 77 - Ricorso laureati scienze della formazione (N.R.G. 9180/14): istanza di sospensiva rigettata in quanto il Tar ha escluso la sussistenza del periculum ed ha rinviato la decisione di merito. L’udienza di merito non è ancora stata fissata.
 
 
Azione n. 78 - Ricorso diplomati magistrali ante 2001/2002 (N.R.G. 8458/14): istanza di sospensiva rigettata in quanto il Tar ha escluso la sussistenza del periculum ed ha rinviato la decisione di merito. L’udienza di merito non è ancora stata fissata.
 
 
Azione n. 79 - Ricorso abilitandi Pas (N.R.G. 9182/14): istanza di sospensiva rigettata in quanto il Tar ha escluso la sussistenza del periculum ed ha rinviato la decisione di merito. L’udienza di merito non è ancora stata fissata.
 
 
Azione n. 80 - Ricorso laureandi scienze della formazione (N.R.G. 8460/14). Il ricorso è stato rigettato con sentenza semplificata n. 7853/2014 L’eventuale appello, di difficile praticabilità stante il tenore della motivazione, può essere proposto dagli eventuali interessati entro il 30.12.2014. La mancata proposizione dell’appello comporterà l’inoppugnabilità della sentenza.
 
 
Si ricorda che lo stato dei ricorsi è visualizzabile sul sito internet del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato all’indirizzo www.giustizia-amministrativa.it
 
Per visualizzare lo stato dei ricorsi al Tar: cliccare su “Tribunali amministrativi regionali” in alto a destra della pagina principale del sito internet, cliccare su “Tar Lazio”, sede Roma, cliccare su “ricorsi” ed inserire anno e numero di ruolo.
 
Per visualizzare lo stato degli appelli al Consiglio di Stato: cliccare su “Consiglio di Stato” in alto a destra sulla pagina principale del sito internet, cliccare su “attività giurisdizionale” cliccare su “ricorsi” ed inserire anno e numero di ruolo.
 
 
 
2)   RICORSI STRAORDINARI AL CAPO DELLO STATO
 
 
Impugnativa D.M. 235/14 – aggiornamento GAE
 
Azione 75 Bis: il Miur non ha ancora trasmesso il ricorso al Consiglio di Stato per il prescritto parere
 
Azione 76 Bis: il Miur non ha ancora trasmesso il ricorso al Consiglio di Stato per il prescritto parere
 
Azione 78 Bis: ricorso diplomati magistrali ante 2001/2002 N.R.G. 2185/2014; l’udienza non è ancora stata fissata
 
Azione 79 Bis: ricorso abilitandi Pas - N.R.G. 628/15- l’udienza non è ancora stata fissata
 
        
 
Impugnativa D.M. 82/2012
 
Azione 67 Bis: ricorso NRG 491/2013, il Consiglio di Stato ha rigettato l’istanza di sospensiva. L’udienza di merito deve essere ancora fissata.


Si evidenziano gli estremi di alcune azioni intraprese:

Roma, 29 ottobre 2014
Prot. n. 202/MPN/MM/UL

D.M. N. 235/2014 - AGGIORNAMENTO GRADUATORIE AD ESAURIMENTO PERSONALE DOCENTE ANNI SCOLASTICI 2014/2017 – AZIONI N. 75 – N. 78-N. 80
  • Azione n. 75 Ricorso abilitati TFA (N.R.G. 8461/14)
In relazione a tale ricorso, si rammenta che l’ istanza di sospensiva è stata rigettata in quanto il Tar ha escluso la sussistenza del periculum.
L’udienza di merito non è ancora stata fissata pertanto i nostri legali presenteranno istanza di prelievo al fine di sollecitare la definizione in tempi brevi ed eventualmente proporre appello. La delicatezza della questione ed il concreto rischio di condanna alle spese in appello ha consigliato di non proporre appello avverso l’ordinanza cautelare.
  • Azione n. 78 - Ricorso diploma magistrale (N.R.G. 8458/14)
In relazione a tale ricorso, si rammenta che l’istanza di sospensiva è stata rigettata in quanto il Tar ha escluso la sussistenza del periculum. L’udienza di merito non è ancora stata fissata.
Al riguardo, si rappresenta anche che il Consiglio di Stato, con una recente ordinanza, ha sospeso una sentenza negativa del Tar del Lazio al fine di poter fissare al 17 febbraio 2015 la trattazione dell’appello. E’ bene tuttavia tener presente che il Consiglio di Stato, con un parere su ricorso straordinario, si è espresso nel senso che i titoli di studio (compreso il diploma magistrale) che in base al decreto interministeriale 460/1998 consentivano l’accesso al concorso, non valessero invece ai fini dell’ingresso nelle Gae in occasione del loro aggiornamento.
Alla luce di quanto sopra, i nostri legali chiederanno la discussione nel merito del ricorso in tempi brevi per poi valutare la possibilità di appello, anche sulla base dell’emananda sentenza del Consiglio di Stato prevista per febbraio prossimo.
Il precedente orientamento negativo del Consiglio di Stato ha indotto i nostri legali ad una condotta processuale prudenziale, diretta ad evitare una eventuale condanna alle spese legali. Condotta assolutamente non pregiudizievole agli interessi dei ricorrenti anche in considerazione del fatto che gli effetti della ammissione con riserva non si spingerebbero sino a consentire la nomina in ruolo o il conferimento di supplenze agli aspiranti.

  • Azione n. 80 - Ricorso laureandi scienze della formazione (N.R.G. 8460/14)
Si rammenta che il ricorso è stato rigettato con sentenza semplificata n. 7853/2014 L’eventuale appello, di difficile praticabilità stante il tenore della motivazione, può essere proposto dagli eventuali interessati entro il 30.12.2014. La mancata proposizione dell’appello comporterà l’inoppugnabilità della sentenza.
Con successivo comunicato verranno fornite ulteriori indicazioni in merito agli altri ricorsi (azioni nn. 76 – 77- 79).
L’ufficio legale resta a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.
Distinti saluti.                                                                      Il Segretario Generale
(Prof. Marco Paolo Nigi)
 

 

RICORSI TAR LAZIO
D.M. 495 DEL 22 GIUGNO 2016

Con il D.M. n. 495 del 22 giugno 2016 il Miur ha disposto l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente valevoli per il triennio scolastico 2014/2017.




 

AZIONE N. 82
Ricorsi Tar Lazio abilitati esclusi dal piano straordinario
di assunzione di cui al D.D.G. 767/15
Comunicazione numeri di ruolo e data udienze
Ricorsi ricorrenti con servizio superiore a 36 mesi

 
In relazione ai ricorsi dei docenti con servizio SUPERIORE A 36 MESI
 
1)         Ricorso NRG 13734/2015 (D’Andrea + altri): abilitati TFA e PAS
 
2)         Ricorso NRG 13736/2015 (Giovannello + altri): abilitati diploma magistrale
 
3)         Ricorso NRG 13737/2015 (Bellavigna + altri): abilitati vecchi concorsi + altro
 
Si comunica che l’udienza di merito dei ricorsi è stata rinviata al 23 giugno 2016.
 
 
Si ricorda che lo stato dei ricorsi è visualizzabile sul sito internet del Tar del Lazio all’indirizzo www.giustizia-amministrativa.it: cliccare su “Tribunali amministrativi regionali” in alto a destra della pagina principale del sito internet, quindi cliccare su “Tar Lazio”, sede Roma, cliccare su “ricorsi” ed inserire anno e numero di ruolo.


 

AZIONE N. 82
Ricorsi Tar Lazio abilitati esclusi dal piano straordinario di assunzione di cui al D.D.G. 767/15 – Comunicazione numeri di ruolo e data udienze
 
L’ufficio legale centrale ha predisposto 7 ricorsi al Tar Lazio.
 
Ricorsi dei docenti con servizio SUPERIORE A 36 MESI
 
Ricorso NRG 13734/2015 abilitati TFA e PAS
 
Ricorso NRG 13736/2015 abilitati diploma   magistrale
 
Ricorso NRG 13737/2015 abilitati vecchi concorsi
 
 
La discussione dei ricorsi è fissata per la camera di consiglio del 28/01/2016.
 
                  Ricorsi dei docenti con servizio INFERIORE A 36 MESI
 
Ricorso NRG 13168/2015 abilitati TFA e PAS
 
Ricorso NRG 13170/2015 abilitati diploma magistrale
 
Ricorso NRG 13171/2015 Laureati scienze formazione
 
Ricorso NRG 13173/2015 (Filip + altri): abilitati vecchi concorsi
 
L’udienza di merito dei ricorsi è stata rinviata al 19 maggio 2016.
 
 
Si ricorda che lo stato dei ricorsi è visualizzabile sul sito internet del Tar del Lazio all’indirizzo www.giustizia-amministrativa.it: cliccare su “Tribunali amministrativi regionali” in alto a destra della pagina principale del sito internet, quindi cliccare su “Tar Lazio”, sede Roma, cliccare su “ricorsi” ed inserire anno e numero di ruolo.
 




AZIONE 78
DIPLOMATI MAGISTRALI ANTE 2001/2002
Il Consiglio di Stato accoglie la domanda cautelare e dispone che gli appellanti vengano inseriti con riserva.
 


PRESENTATI DUE RICORSI
AL
TAR DEL LAZIO
CONTRO
"LA BUONA SCUOLA"


--------------------------------------------

AZIONE N. 81
RICORSO PEREQUAZIONE AUTOMATICA PENSIONI
1) Comunicazione ai ricorrenti (LETTERA AZIONE 81)
2) Scheda di adesione (ALLEGATO 1)
3) Istanza – Diffida (ALLEGATO 2)
4) Istanza – Diffida (ALLEGATO 3)
5) Informativa Privacy


----------------------------------------------

AZIONE N. 82
Ricorso Tar Lazio abilitati esclusi dal piano straordinario di assunzione di cui al D.D.G. 767/15
 
 
Come è noto, a seguito della pubblicazione della legge n. 107/2015 recante “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e per il riordino delle disposizioni legislative vigenti” (c.d. Decreto Buona scuola) il Miur ha emanato il D.D.G. 767/2015, relativo al piano straordinario di assunzione del personale docente.
 
Il decreto in questione, in attuazione della legge n. 107 (art. 1, commi 95 e seg.),ha previsto che possano partecipare al piano straordinario di assunzioni solo coloro che sono inseriti a pieno titolo nelle Gae ovvero nelle graduatorie di merito dell’ultimo concorso.
 
Sono stati invece esclusi tutti i docenti che, pur essendo in possesso di una abilitazione all’insegnamento (TFA, PAS, Diploma magistrale abilitante, laureati in scienze della formazione primaria), non risultano inseriti nelle Gae ovvero nelle graduatorie di merito del concorso, ovvero che vi risultino inseriti con riserva.
 
In particolare, possono partecipare al ricorsotutti coloro che sono in possesso di abilitazione all’insegnamento.
 
In sede di compilazione della scheda di adesione, dovrà essere precisata la condizione in cui versa l’interessato, ovvero:
 
1)   Abilitato che ha maturato 36 mesi di servizio
 
2)   Abilitato che non ha maturato 36 mesi di servizio
 
Il ricorso dovrà essere presentato dinanzi al Tar del Lazio entro il termine perentorio di 60 giorni dalla pubblicazione del D.D.G. 767/15, avvenuta in data 21.7.15 (dal 1 al 31 agosto il termine è sospeso).
 
 
Pertanto, considerati i tempi ristretti per la predisposizione e notifica del ricorso, il termine ultimo per la raccolta delle adesioni è fissato –improrogabilmente -al 9ottobre 2015.
 
Si precisa sin da ora che non saranno accettate adesioni che dovessero pervenire oltre il suddetto termine.
 
 
SI ALLEGANO:
 
 
1) La scheda di adesione da compilare in 4 copie con firma in originale debitamente compilata in ogni sua parte;
 
2)   La procura alle liti in 2 copie sottoscritta in originale;
 
3)   Istanza di fissazione udienza in 2 copie sottoscritta in originale;
 
4)   Copia della domanda cartacea di partecipazione al piano straordinario di assunzioni;
 
5)   Copia carta identità e del codice fiscale;
 
6)   Copia titolo abilitante ovvero relativa certificazione;
 
7)   Copia dei certificati di servizio per coloro che hanno più di 36 mesi di servizio
 
 
La quota di partecipazione al ricorso è di Euro 170,00 per gli iscritti allo Snals-Confsal, trattandosi di un ricorso da presentare dinanzi al Tar del Lazio).
 
 
Si ribadisce che possono partecipare al presente ricorso solo gli abilitati non inseriti nella GAEe non anche coloro che vi siano inseriti con riserva.  
 
 


Tribunale di Mantova conferma la carenza di giurisdizione del tribunale ordinario in materia di inserimento GAE: compete al TAR. 
Respinta l’urgenza . 
Sentenza definitiva sul merito a fine gennaio.




I NOSTRI RICORSI 
CONTRO 
"LA BUONA SCUOLA"
 
Come è noto, con l’approvazione della disegno di legge “la buona scuola” il Governo ha perpetrato l’ennesimo atto di arroganza nei confronti del personale della scuola.

Per quanto concerne le questioni generali quali, ad esempio, la libertà di insegnamento, l’eccessivo ricorso a delega, i poteri conferiti al dirigente scolastico, l’invasione con la legge su aspetti prettamente contrattuali, l’esclusione del personale ATA dall’organico dell’autonomia in contrasto col disposto della legge 35/2012, sarà cura del sindacato predisporre tutte le opportune iniziative, politiche e giudiziarie.
 
In relazione invece agli aspetti che riguardano il tema del precariato, le immissioni in ruolo, le future procedure concorsuali ed in generale tutti gli aspetti relativi al singolo rapporto di servizio, sono in corso di studio da parte dell’Ufficio legale nazionale una serie di iniziative volte a tutelare, tutti coloro che sono gravemente pregiudicati dalla riforma.
 
In particolare, allo stato, sono state individuate le seguenti possibili azioni legali:
 
  • Ricorso per coloro che, inseriti nelle Gae (provinciali) o nelle graduatorie di merito del concorso 2012 (regionali), saranno costretti a partecipare alla procedura di assunzione straordinaria su base nazionale, pur in presenza di posti in sede locale (art. 1, commi 96, 98, 100, 101, 102, 103 legge 107/2015)
 
Il testo di legge prevede, infatti, che il piano straordinario di assunzioni sarà articolato in tre fasi:
 
a) le assunzioni avverranno su base territoriale (provinciale per le Gae e regionale per il concorso); tale fase è relativa alla copertura dei posti disponibili e vacanti in numero pari al turn over (art. 1, comma 98 lett. a) legge 107/15);
 
b) in deroga alla procedura attualmente vigente, l’assunzione avverrà sulla base di una procedura nazionale a domanda, su tutti i posti vacanti e disponibili non coperti nella precedente fase a) (art. 1, comma 98 lett. b)  legge 107/15);
 
c) tale fase prevede l’assunzione su base nazionale, a domanda, sui posti del potenziamento indicati nella tabella allegata alla legge (art. 1, comma 98 lett. c)  legge 107/15).
 
A tal fine, il comma 103 della legge prevede la pubblicazione di apposito avviso in gazzetta ufficiale.
 
In altre parole, in ragione dell’introduzione di una “procedura nazionale” sostitutiva delle procedure su base regionale ovvero provinciale, coloro che sono inseriti da anni nella  graduatoria ad esaurimento di una determinata provincia ovvero nella graduatoria di merito dei concorsi regionali, saranno costretti a partecipare ad una procedura nazionale nell’ambito della quale dovranno accettare sedi di servizio non ricomprese nella regione o provincia di interesse, pena l’esclusione da ogni possibilità di assunzione, pur in presenza di posti disponibili in sede locale.
Viene quindi preclusa agli interessati la possibilità di attendere che in successive procedure di assunzioni risultino disponibili posti per la regione o la provincia in cui risultano attualmente inseriti
 
 
  • Ricorso per gli idonei all’esito di procedure concorsuali bandite prima del 2012 per le classi di concorso non interessate alla procedura di cui al D.D.G. 82/2012
Per costoro, il comma 95 dell’art. 1 della legge 107/15 prevede la soppressione delle relative graduatorie anche nel caso in cui la classe di concorso interessata non sia stata oggetto della procedura concorsuale del 2012.
 
  • Ricorso per contestare la legittimità della previsione di attribuire per le fasi di assunzioni straordinarie (lettere b) e c) comma 98) priorità a coloro che sono inclusi nelle graduatorie concorsuali del 2012 rispetto a coloro che sono inclusi nelle GAE, violando  il principio generale vigente delle quote paritarie al 50% tra concorso e GAE (art. 1, comma 100, legge 107/15)
 
  • Ricorso contro l’esclusione dalle procedure di assunzione dei docenti di ruolo.
Al riguardo, infatti, il testo di legge prevede, al comma 104, l’esclusione dal piano di assunzioni dei docenti a tempo indeterminato, anche se inseriti nella GAE ovvero nelle graduatorie del concorso 2012, per diversa classe di concorso.
 
  • Ricorso per ottenere l’inserimento nel piano straordinario di assunzioni di coloro che sono abilitati oppure che hanno almeno 36 mesi di servizio unitamente all’abilitazione e non risultano inseriti nelle GAE o nella graduatoria del concorso 2012 (es. abilitati  TFA, PAS)
 
  • Ricorso contro l’esclusione dal piano straordinario di assunzioni di tutti coloro che hanno maturato un requisito di servizio di almeno 36 mesi e non sono abilitati non essendo mai stato attivato il TFA per la loro classe di concorso (vedi ad esempio gli ITP).
 
  • Ricorso avverso l’esclusione dalla “sanatoria” di alcuni Dirigenti scolastici con contenzioso pendente (art. 1, commi 87 e 88 legge 107/15)
 
 
  • Ricorso avverso la eventuale mancata possibilità di inserimento per i non abilitati nella terza fascia delle graduatorie di circolo. E’, infatti, previsto il futuro inserimento solo per coloro che siano in possesso dell’abilitazione. Il dirigente scolastico però, in caso di necessità, potrà stipulare contratti a tempo determinato con docenti non abilitati senza il rispetto di alcun criterio derivante dalla presenza di graduatorie.
 
In relazione ai futuri concorsi, ricorso avverso l’eventuale esclusione dei laureati ante 2001/2002, viceversa ammessi alla passata procedura concorsuale del 2012.  Il testo di legge prevede, infatti, la possibilità di partecipazione solo di coloro che siano in possesso dell’abilitazione (comma 110 legge 107/15)
 
Ovviamente quanto sopra prospettato non esclude che possano essere proposti ulteriori ricorsi, anche a seguito di eventuali nuove esigenze che le strutture territoriali del sindacato vorranno segnalare alla luce di quanto rilevato dai nostri iscritti.
 
Dato che inevitabilmente i ricorsi dovranno essere attivati in tempi differenziati, invitiamo tutti gli interessati a restare in contatto con le strutture territoriali del sindacato e a seguite le notizie sul nostro sito Internet.

Comunicheremo per tempo modalità e tempistica.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu